AnimeClick - Lista Fansub - Chat Java - Blog
Flash News - Mappa Utenti - Top Manga - Top Anime

Banner Facebook


Torna indietro   AnimeClick.it - forum ufficiale > Intrattenimento > Arte, musica e libri

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 05-09-2006, 12.54.57   #61
^poppy^
Il Vero Wolverine
 
L'avatar di ^poppy^
 
Data registrazione: 10-11-2002
Residenza: Xavier Istitute
Età: 31
Messaggi: 362
^poppy^ chiede un vostro giudizio
Citazione:
Originalmente inviato da Suppo
Come ti è sembrato? A me non è affatto dispiaciuto come d'altra parte Eldest...
Mi è piaciuto come libro quando avrò finito eldest e avrò visto il film di eragon attenderò con ansia il 3 libro
__________________

Fondatore degli Slay Fansub
Primo fan italiano di Dragon Drive
Fan #1 di Walkure
www.slayfansub.tk
"Vendicatori Uniti"
^poppy^ non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 12.23.24   #62
Haran_Banjo
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Ian Fleming - Casinò Royale

a seguire:

Ian Fleming - Live and Let Die

Ciao
  Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 14.28.58   #63
alfiuzzo
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Colori proibiti - Yukio Mishima
  Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 15.10.34   #64
Derfy
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Dato che sono in carenza di lettura, mi potreste dire vagamente le trame di questo "colori proibiti" e dei libri di fleming? *_*

Magari trovo qualcosa che mi appassionerà °_°

Grazie anticipatamente,


Derfy
  Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 15.22.18   #65
Haran_Banjo
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Citazione:
Originalmente inviato da Derfy
Dato che sono in carenza di lettura, mi potreste dire vagamente le trame di questo "colori proibiti" e dei libri di fleming? *_*
"Casinò Royale" e "Live and let die" (= "Vivi e lascia morire") sono i primi due romanzi del ciclo dedicato a James Bond. Sono stati scritti negli anni '50, in piena guerra fredda e l'ambientazione risulta ovviamente datata (sovietici = cattivi, per intenderci). E' un Bond diverso da quello cinematografico, meno supereroe, con meno gadget tecnologici ma decisamente più umano.

Ciao
  Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 15.48.49   #66
gerryino
Dr. Eminenza Grigia
 
L'avatar di gerryino
 
Data registrazione: 12-11-2002
Residenza: 45°44'15.12" N - 9°18'42.10" E
Età: 39
Messaggi: 2,631
gerryino chiede un vostro giudizio
Non li sto leggendo ora, ma li consiglio a chi ama la scienza... ma in fondo anche agli altri :D

Gli scenziati sono vecchi, barbosi, noiosi, senza alcuna attrattiva? Non per Simon Singh: mezzo indiano e mezzo inglese, documentarista, affermato scrittore di saggi.
I suoi matematici sono autentici eroi: dilettanti destinati ad entrare nella storia, donne che lottano contro i pregiudizi della loro epoca, personaggi oscuri che lottano contro la tirannide nazista.

Cominciamo dal libro più vecchio:

L'ultimo teorema di Fermat · scheda
Corre l'anno 1637. Pierre de Fermat, giudice con la passione della matematica, formula una proposizione in uno dei suoi scritti : x^n + y^n = z^n non ha alcuna soluzione se n è maggiore di 2. In una piccola nota afferma "Dispongo di una meravigliosa dimostrazione di questo teorema, che non può essere contenuta nel margine troppo stretto della pagina".
Ci vogliono quasi 400 anni di sforzi per confermare il teorema di Fermat. All'impresa contribuiranno vari personaggi, tutti degni di nota. Donne in cerca di emancipazione, duellanti, studiosi depressi ed un bambino rimasto affascinato dal mistero. In palio la gloria ed un mucchio di soldi, per chi dimostrerà l'ultimo teorema di Fermat.

Codici & segreti · scheda
L'eterna lotta fra spie e spioni. La crittografia dai romani alla meccanica quantistica. Una lotta che si trascina da millenni: chi è più forte tra quelli che nascondono i messaggi e quelli che cercano costantemente di decifrarli? Il libro copre quasi tutta l'evoluzione della crittazione, si parla di greci, egizi, romani. Si incontrano personaggi come Maria Stuarda, che cercò invano di salvarsi la testa.
O della sfida fra Alan Turing ed Enigma, la terribile macchina di crittazione nazista che teneva in scacco l'intelligence alleata durante la II guerra mondiale.

Io ho trovato questi due libri fantastici, sono al tempo stesso molto ricchi di contenuti ma anche molto appassionanti.
Singh è molto bravo nel rendere i suoi matematici dei personaggi quasi romanzeschi, ognuno ha una storia personale molto coinvolgente. Difficile non fare il tifo per loro.

La rece è ripresa da un mio post in un'altro forum
__________________
gerryino non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25-09-2006, 16.57.22   #67
Derfy
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
uau, grazie mille, così è molto più bello! vedere quello che si sta leggendo e che si è già letto spiegato in maniera curiosa è interessante ^__^

Il personaggio di James Bond non mi ha mai dato troppa attrattiva (anche se mi riferisco solo a quello cinematografico, probabilmente quello cartaceo è anche più bello *_*). L'ultimo teorema di Fermat invece lo conoscevo e mi ha sempre incuriosito, ecco un titolo da dover leggere =)


Derfy
  Rispondi citando
Vecchio 10-10-2006, 22.34.04   #68
Capitan Red
Utente Registrato
 
L'avatar di Capitan Red
 
Data registrazione: 10-10-2006
Residenza: Prato
Età: 39
Messaggi: 179
Capitan Red chiede un vostro giudizio
Ciao!

Sto leggendo "Lo Zen e la cerimonia del tè" di Kakuzo Okakura.
Una lettura davvero interessante, per saperne di più su di un lato importante della cultura giapponese. E' un libriccino snello e si legge bene.
Capitan Red non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 11-10-2006, 13.50.20   #69
ice187
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Io sto leggendo "cadavere non identificato" un thrille molto bello.
  Rispondi citando
Vecchio 15-10-2006, 19.18.48   #70
Domenico
Utente Registrato
 
L'avatar di Domenico
 
Data registrazione: 26-01-2005
Residenza: Italia -Calabria
Età: 53
Messaggi: 1,009
Domenico Reputazione inesistente
Voi non ci crederete..ma sto leggendo in questi giorni Gomorra...

http://www.internetbookshop.it/ser/s...sbn=8804554509

proprio il libro di quel Giorgio Saviano di cui si stà parlando in questi giorni per le minacce che ha ricevuto...minacce inevitabili...come è inevitabile anche la reazione di una certa parte sociale...e proprio non mi interessa per chi votano... il libro tratta della Camorra,del mondo della criminalità di napoli e del suo hinterland,un mondo poco noto...questo libro non appartiene al genere "dossier lunghi e pallosi sulla realtà criminale" che spesso si vedono in giro...perchè, aldilà delle cifre,dei nomi,dei cognomi soprattutto,aldilà dell'oggettivo ardore che Saviano ci mette dentro,ed che magari a qualche persona può essere spiaciuto..è un libro che ha una qualità di scrittura notevole..si legge come un triller..un triller terribile..

Mi è stato prestato,un dodici giorni fà da un amico...sto pensando di comprarmelo.

E sto pensando a quando qualcuno scriverà una storia di egual valore sulla criminalità calabrese...
__________________
Ogni limite ha una pazienza.

http://www.gundamuniverse.it/blog/


Domenico non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 25-10-2006, 12.03.15   #71
Shinobu
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Eccomi qui ad agguiornarvi sulle mie ultime letture!

Il cacciatore di aquiloni, Hosseini Khaled, PIEMME.
Parla della vita di un ragazzo afghano che è finito a vivere negli USA dopo essere fuggito da kabul. Il libro racconta in gran parte la sua vita a kabul, vissuta sempre accanto un servitore/amico inseparabile e circondata da persone che gli creano una situazione emotiva un po' particolare. Il resto è la sua vita "da grande" nella quale convive con alcuni rimpianti e rimorsi verso questo periodo. Ovviamente non posso dirvi quali...
Un libro piuttosto (si, decisamente!) triste, ma molto carino. Un tipo di narrazione in prima persona, dove tutto è filtrato attraverso i sentimenti del protagonista, e devo dire che mi ha davvero coinvolto.

La danzatrice bambina, Anthony Flacco, PIEMME.
Questa invece è la storia di una bambina afghana che si trova sfigurata dalle ustioni a causa di un incidente. Diversamente da quanto ci si possa aspettare in un luogo del genere, il padre fa di tutto per farla curare e lei finisce negli USA per essere operata. Il libro racconta essenzialmente l'esperienza di questa bimba in un paese molto diverso dal suo.
A dire il vero all'inizio non mi aveva molto preso, anche per il fatto che non è scritto benissimo e a tratti sembra quasi una trascrizione della cronaca dei fatti, però andando avanti mi sono lasciata coinvolgere e mi è proprio piaciuto.

Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra, Roald Dahl, TEA.
Libriccino piccino piccino che contiene due racconti che parlano di truffe nel mondo dei libri. Non avevo mai letto niente di Dahl prima, ho deciso che è un genio! :D

P.S. Poi mi chiedono perché amo lavorare in libreria! :rolleyes:
  Rispondi citando
Vecchio 03-11-2006, 22.48.05   #72
CaSsIeL
The Silence
 
L'avatar di CaSsIeL
 
Data registrazione: 03-11-2006
Residenza: Cremona
Età: 33
Messaggi: 1,451
CaSsIeL Reputazione inesistente
Il ho appena finito di leggere L'eleganza è frigida di Goffredo Parise: un ottimo ritratto di un Giappone dove la tradizione secolare continua a vivere nonostante la modernità stia prendendo piede (fate conto che il libro è del 1982). il libro si mostra come un dipinto dove ogni pennellata è sinonimo di novità da parte dello scrittore.
__________________



"Lelouch… Do you know why the snow is white?... Because it forgot what colour it was" (Code Geass: Hangyaku No Lelouch - C.C.)
-EVOLVE TODAY!- (BioShock - Ryan Industries cit.)
CaSsIeL non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05-11-2006, 03.06.42   #73
Brian May
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
"Dio e la nuova fisica" di Paul Davies.
  Rispondi citando
Vecchio 13-11-2006, 12.24.00   #74
ginias_sahalin
Ristorante Patafisico Gin
 
L'avatar di ginias_sahalin
 
Data registrazione: 14-11-2002
Residenza: _
Età: 39
Messaggi: 2,111
ginias_sahalin chiede un vostro giudizio
attualmente sto facendo incetta di classici, prevalentemente classici della lettura inglese del periodo vittoriano.


1) new grub street
(http://www.fazieditore.it/f2/default...opLibro&id=567)
di george gissing, fazi editore. e' un libro piuttosto costoso (22 eur)* ma mi pare uno dei migliori lavori che ho letto di questo periodo.
e' stato scritto nel 1891, riedito in italia nel 2005, e narra della figura del romanziere in questo periodo, e di come sia difficile affermarsi come letterati in un mondo che sta cambiando, dove oramai sbocciano le stamperie, sullo sfondo di una londra vittoriana che assume toni piuttosto cupi.. un libro decisamente satirico e polemico nel confronti del periodo, un sfogo dello scrittore verso una epoca ingrata e incerta tra giovanissime costrette a prostituirsi per fame, disordine, sporcizia, degrado.. ma anche modernita'.
l'autore sottolinea proprio l'esistenza di un "bivio" per lo scrittore "di proferssione" del tempo:
cinicamente mercificare il proprio lavoro per assecondare la richiesta di letteratura spazzatura/pettegolezzo della massa, e cosi' sperare di salire una frazione di gradino sociale, oppure continuare per la propria strada, accusare i colpi della miseria e del fallimento. morire nello sconforto, poveri, e magari vedere riconosciuto il proprio talento, ironia del destino, solo dopo avere smesso di calcare il suolo "terreno".
per le tematiche trattate e' sicuramente un libro attualissimo.
la questione e' che sebbene il libro sia un romanzo, l'autore narra di quello che vede tutti i giorni, come anche altri scrittori del periodo. non per niente ALCUNI romanzi vittoriani sono una grande fonte di informazioni circa i costumi e i problemi del momento. gissing e' un altro di quegli autori che pur ritenuti di altissimo livello, trova posto solo negli scantinati delle librerie e non conosce mai il grosso dei lettori.

Autore: George Gissing
Titolo: New Grub Street. Traduzione di Chiara Vatteroni
Collana: Le porte
Pagine: pp. 620
Isbn: 88-8112-617-6
Data di uscita: 18/3/2005
Disponibilità: non nota
Fazi Editore




2) ann veronica e tono bungay.
di herbert wells, quello della "guerra dei mondi". trovare libri di wells in italia e' una impresa ingrata. a parte qualcuno dei suoi racconti piu' celebri, wells e' totalmente sconosciuto. pochi sanno che wells non solo ha scritto (i primi) libri di fantascienza, insieme a jules verne, ma ha contribuito al victorian romance "classico" con lavori passati inosservati fuori da una certa cerchia di studiosi di letteratura o intellettuali, come veronica ann, the new machiavelli, the wheels of chance, kipps, love and mr. lewisham. tutti lavori che dovremmo avere cari.
in ognuno di questi libri c'e' sempre un po' di "pensare al futuro", di "guardare oltre", di critica sociale. per ogni corrente di pensiero, ogni innovazione, ogni invenzione, ogni moda che commenta, wells si pone sempre la domanda di come essa influenzera' il futuro. non e' solo mera contemplazione della modernita', del progresso(cosa molto piu' evidente in jules verne), ma piuttosto uno sforzo di comprendere "verso dove si sta andando". inolte, wells e' sempre un critico feroce delle abitudini del periodo, capace di circostanziare bene le sue invettive; al contrario, per es. di un dickens del primo momento che magari favorisce una visione piu' positiva. wells scrivera' anche il saggio "Anticipations
Of the Reaction of Mechanical and Scientific Progress upon Human life and Thought"
dove prevedera' certe tendenze tecnologiche del futuro,come per esempio l'avvento e la diffusione della automobile e delle conseguenze che ne deriveranno in termini di viabilita'; oppure, prevedera' la maggiore attenzione dei posteri verso i diritti sociali.. peraltro fallendo miseramente altre previsioni ,come per esempio l'mpossibilita' di sviluppare sottomarini efficienti e il volo aeronautico.

"ann veronica".(http://www.penguinclassics.co.uk/nf/...441092,00.html)
il costo e' di 7.99 sterline inglesi, oppure 13 dollari USA a seconda che lo compriate da penguin america o UK. puo' anche essere scaricato legalmente in forma elettronica qui: http://www.gutenberg.org/etext/524. nello stesso sito e' possibile scaricare altri libri di wells e gissing. guardare in fondo al post per una lista.
in "ann veronica" si narra appunto di ann, una ragazza ventunenne che si ribella ai costumi della donna dell'epoca, decide di abbandonare la famiglia e trasferirsi a londra, patria degli intellettuali, per conquistare infine la sua liberta', sebbene la liberta' sia sempre una questione di compromessi.
e' un libro assolutamente atipico per il periodo, e chiaramente mostra la apertura di wells verso questo tipo di questioni, il suo sentire la necessita' di nuove liberta' che i canoni della societa' del periodo ripudiano(wells e' stato un precursore dell'amore "libero").
la sfortuna e' che ann veronica, come i libri sopra citati, sono tutti reperibili solo in versione inglese presso www.penguinclassics.co.uk.
devo ammettere che per me sono abbastanza difficili da leggere(specie "wheels of chance"), ma io non sono certo un esperto della lingua. sicuramente la lettura vale lo sforzo.

Ann Veronica
H. G. Wells - Author
Margaret Drabble - Introduction by
Sita Schutt - Editor
Paperback 129 x 198mm
352 pagine
ISBN 9780141441092
31 Mar 2005
Penguin Classic




"tono bungay" (http://www.fazieditore.it/f2/default...opLibro&id=132)
per chi non fosse accettabile leggere libri in lingua, perlomeno consiglio di leggere "tono bungay" sempre di fazi editore (18 eur*..). si tratta sempre di una delle migliori opere di wells, tra quelle non-fantascientifiche.
e' la storia di george ponderevo, del suo arrivo a londra e del suo assecondare l'impresa di suo zio nel vendere un farmaco placebo per arricchirsi.
ma il bello del libro non e' la trama in se.e' l'ambientazione, e' la descrizione di un mondo in chiaroscuro, con tante possibilita' in negativo, ma pur qualcosa di buono: da un lato la spietatezza del mondo, la difficolta' dei rapporti sociali e intimi,la crisi sentimentale; dall'altro ammirazione per la capacita' dell'uomo di creare e di contemplare la "piccola grandezza" delle sue opere e della natura, gli esperimenti di volo con il "lord roberts alpha" che rappresenta una qualche sorta di rifugio o di via di fuga, un mezzo per estraniarsi dai problemi del mondano.

Autore: Herbert George Wells
Titolo: Tono-Bungay. Traduzione di Chiara Vatteroni
Collana: Le porte
Pagine: pp. 468
Isbn: 88-8112-128-X
Data di uscita: 1/1/2000
Disponibilità: non nota
Fazi Editore





*nota circa la disponibilita' dei libri in biblioteca: per chi abita i paesi della zona nord ovest di milano (www.csbno.net per saperne di piu': sono le biblioteche di nerviano, rho, cinisello, legnano, casorezzo, settimo milanese..) grazie al prestito interbibliotecario e' possibile leggere sia tono-bungay che new grub street senza spendere un euro. esiste almeno una copia per ognuno dei due libri all'interno di quel consorzio. sicuramente questi libri sono disponibili anche nella maggior parte delle biblioteche italiane.


libri in inglese di wells, gratuitamente e legalmente scaricabili se non reperibili in italia ( presso www.gutenberg.org)

# Ann Veronica, a modern love story (English)
# Anticipations
Of the Reaction of Mechanical and Scientific Progress upon Human life and Thought (English)
# Certain Personal Matters (English)
# The Country of the Blind, and Other Stories (English)
# The Door in the Wall and Other Stories (English)
# An Englishman Looks at the World (English)
# First and Last Things (English)
# The First Men in the Moon (English)
# The First Men in the Moon (English)
# Floor Games (English)
# Floor Games; a companion volume to "Little Wars" (English)
# The Food of the Gods and How It Came to Earth (English)
# God the Invisible King (English)
# The History of Mr. Polly (English)
# In the Days of the Comet (English)
# In the Fourth Year
Anticipations of a World Peace (1918) (English)
# The Invisible Man (English)
# The Invisible Man (English)
# The Island of Doctor Moreau (English)
# The Island of Doctor Moreau (English)
# Little Wars (English)
# Little Wars; a game for boys from twelve years of age to one hundred and fifty and for that more intelligent sort of girl who likes boys' games and books. (English)
# Love and Mr. Lewisham (English)
# The Magnificient Research (English)
# Mankind in the Making (English)
# A Modern Utopia (English)
# Mr. Britling Sees It Through (English)
# The New Machiavelli (English)
# The Research Magnificent (English)
# Secret Places of the Heart (English)
# Secret Places of the Heart (English)
# The Sleeper Awakes
A Revised Edition of When the Sleeper Wakes (English)
# Soul of a Bishop (English)
# The Stolen Bacillus and Other Incidents (English)
# The Time Machine (English)
# The Time Machine (English)
# The Time Machine (English)
# Tono Bungay (English)
# Twelve Stories and a Dream (English)
# Twelve Stories and a Dream (English)
# Wall in the Door and Other Stories (English)
# War and the future: Italy, France and Britain at war (English)
# The War in the Air (English)
# The War in the Air (English)
# The War of the Worlds (English)
# The War of the Worlds (English)
# What is Coming? (English)
# The Wheels of Chance (English)
# The Wheels of Chance: a Bicycling Idyll (English)
# When the Sleeper Wakes (English)
# When the Sleeper Wakes (English)
# The World Set Free (English)
# The World Set Free (English)

libri in inglese di gissing, liberamente scaricabili.. etc.. (come sopra)

# Born in Exile (English)
# By the Ionian Sea (English)
# The Crown of Life (English)
# Demos (English)
# Denzil Quarrier (English)
# The Emancipated (English)
# Eve's Ransom (English)
# The House of Cobwebs and Other Stories (English)
# In the Year of Jubilee (English)
# A Life's Morning (English)
# The Nether World (English)
# New Grub Street (English)
# The Odd Women (English)
# Our Friend the Charlatan (English)
# The Paying Guest (English)
# The Private Papers of Henry Ryecroft (English)
# Thyrza (English)
# The Town Traveller (English)
# The Unclassed (English)
# Veranilda (English)
# Victorian Short Stories of Troubled Marriages (English) (as Contributor)
# The Whirlpool (English)
# Will Warburton (English)
__________________

Ultima modifica di ginias_sahalin : 14-11-2006 alle ore 07.46.32.
ginias_sahalin non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13-11-2006, 19.03.05   #75
Capitan Red
Utente Registrato
 
L'avatar di Capitan Red
 
Data registrazione: 10-10-2006
Residenza: Prato
Età: 39
Messaggi: 179
Capitan Red chiede un vostro giudizio
Wow! Grazie per la lista davvero interessante, ginias_sahalin.
Pensa che proprio in questo periodo stavo cercando letture sull'epoca vittoriana, perché vorrei documentarmi meglio al riguardo (ho una certa idea che mi frulla in testa e che vorrei realizzare...) ^__^
Capitan Red non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 13-11-2006, 21.03.50   #76
ginias_sahalin
Ristorante Patafisico Gin
 
L'avatar di ginias_sahalin
 
Data registrazione: 14-11-2002
Residenza: _
Età: 39
Messaggi: 2,111
ginias_sahalin chiede un vostro giudizio
Citazione:
Originalmente inviato da Capitan Red
Pensa che proprio in questo periodo stavo cercando letture sull'epoca vittoriana,
mi fa piacere, posso darti una dritta in piu' allora.
un altro romanzo vittoriano che di solito viene sempre dimenticato ( a fronte delle solite sorelle bronte, jane austin, dickens.. etc) e'

vanity fair (la fiera delle vanita') di William Makepeace Thackeray (1811–1863).

anche questo non e' il tipico romanzo vittoriano, perche' il romanzo vittoriano generalmente e' molto meno ironico e sprezzante. diciamo che e' sulla falsariga degli altri romanzi prima indicati.

la trama e':
"Becky Sharp e Amalia Sedley sono due ex compagne di scuola. Becky, arrivista e ambiziosa, riesce a sposare un nobile rampollo e a ottenere un ruolo nell'alta società. Amelia, diventata povera per la rovina economica del padre, riesce a farsi sposare dal fidanzato George, improvvisamente tentennante, grazie all'intervento di un altro suo ammiratore, il capitano Dobbin. Quando George muore nella battaglia di Waterloo, Amelia viene a sapre che è stata tradita dal marito con molte donne, compresa la sua amica Becky e così decide di sposare il fedele capitano Dobbin. "La fiera delle vanità" è considerato il capolavoro di William Makepeace Thackeray, nonché uno dei più notevoli romanzi dell'Ottocento inglesi."

detto cosi' capisci che sembra uan trama da due soldi.. ma considera che il sottotitolo che venne dato al romanzo fu "una novella senza un eroe".
infatti lo scopo di thackeray e' quello di mostrare la societa' vittoriana come corrotta dal denaro e dal desiderio di ricchezza e successo, mali di cui neppure lui si sente del tutto libero. thackeray sta' proprio scrivendo della sua societa'; anche qui, il racconto e' un artificio letterario per parlare di cio' che egli vede tutti i giorni: ossia le spinte del capitalismo, imperialismo, ostentazione del potere; ma la cosa piu' grave, e' che nessuna classe sociale ne e' esente. persino le persone miserabili infatti, "tutti seguono le regole del gioco" per tentare di salire uno scalino della scala sociale, oppure perlomeno di non scenderne uno. persino i servi che non hanno niente, sono egoisti e cinici;
mette in luce tutto il pragmatismo dell'uomo vittoriano.
e' anche una grande denuncia della mancanza di amor proprio e umanita' verso gli altri. le relazioni sociali solo lo specchio dell'opportunismo, dell'arrivismo, dell'ipocrisia: questo distrugge anche la istituzione del matrimonio, e le relazioni famigliari. e' decisamente un romanzo tutto al negativo, che non salva nessuno o quasi nessuno dalla gogna.

inoltre, cosa incredibile per il tempo, thackeray ridefinisce la figura del gentleman. il gentleman "vero, storico" nel periodo vittoriano e' una persona istruita in certi college, che non doveva vivere per lavorare; spesso figli di ricchi proprietari terrieri, "la gentry". erano essenzialmente simili a certi imprenditori di oggi, che non fanno nulla se non mettere in mano la loro ricchezza a chi la fa fruttare di piu'. a parte questi, solo i parlamentari, il clero della chiesa d'inghilterra e gli ufficiali dell'esercito erano considerati gentleman. i dottori non erano gentleman; gli avvocati non erano gentlemen; neppure i professori universitari ne gli ingegneri(!). i gentlemen erano una classe sotto i nobili e non avevano titoli, se non quello di "baronetto" oppure "cavaliere": questi titoli sono una forma di nobilta' minore, perche' non partecipano al sistema dei titoli(che include i metodi di ereditamento degli stessi, che e' molto complicato in inghilterra) noto come "peerage". solo verso la fine del periodo vittoriano, grazie alla necessita' dei nobili impoveriti di avere contatti con gente arricchita,tipo i grandi industriali/altoborghesi del periodo, senza che la cosa fosse spiacevole da un punto di vista sociale (e grazie al fatto che il denaro iniziava a contare piu' del titolo nobiliare), anche "lavoratori" sono stati introdotti nell'ambito della cerchia dei gentiluomini. l'unica richiesta diventava quella di essere piuttosto ricchi e avere buone maniere e cultura, acquisiti in prestigiosi college.
quindi persino l'essere un gentiluomo o meno era piu' che altro una questione di ricchezza piu' che posizione sociale effettiva o, come oggi intendiamo il termine, di raffinamento, educazione.

thackeray spacca questa definizione tecnica di gentlemen e fondamentalmente lo ri-definisce come una persona diligente, morale, benevola verso gli altri e dominata da un senso di giustizia ed equita'. in un certo senso, la sua idea di gentleman si sovrappone "con l'eroe assente" di vanity fair. la definizione che ci e' giunta oggi, di gentleman, e' appunto quella di una persona "gentile" nel senso di istruita, coscienziosa, benevola, moderata negli atteggiamenti, e che si rapporta agli altri con rispetto, SEMPRE: non e' piu' una definizione di rango rispetto alla scala sociale, come invece lo era al tempo; non e' neppure una misura della ricchezza.

un altro elemento interessante e' quello che orwell poi chiamera' il "bispensiero": ossia il convincere gli altri e se stessi delle menzogne che si dicono. i personaggi di vanity fair, infatti, non riescono a distinguere la realta' dall'illusione che si creano: si immedesimano con un personaggio fittizio che li rappresenta, e le relazioni sociali sono interfacciate da queste "maschere di finzione", da "avatar" diremmo oggi. e' piu' che ipocrisia, perche' e' un atteggiamento che viene rivolto verso l'interno, verso loro stessi, che gli sottrae umanita' e li fa diventare fondamentalmente come marionette in uno spettacolo, delle caricature rispetto alla realta'.

insomma, e' un libro molto interessante, e sempre attuale.

qui c'e' la versione in inglese:http://www.gutenberg.org/etext/599

comunque esistono edizioni economiche integrali per la newton compton, rusconi BUR(rizzoli), garzanti.. tra i 7 e i 20 euro:
http://www.internetbookshop.it/ser/s...iera+vanita%27

inoltre ti consiglio di visitare anche questo sito: http://www.victorianweb.org/
__________________

Ultima modifica di ginias_sahalin : 14-11-2006 alle ore 08.07.47.
ginias_sahalin non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 15-11-2006, 13.40.18   #77
Gendo
Comandante Supremo
 
L'avatar di Gendo
 
Data registrazione: 04-11-2002
Residenza: Geo-Front
Età: 40
Messaggi: 975
Gendo chiede un vostro giudizio
Philip K. Dick "Le Tre Stimmate di Palmer Eldritch" (da un bel pò.... ultimamente sono mooolto scostante coi libri! ^^')
Geroge R. R. Martin "Il Domino della Regina" (AKA "A Feast for Crowws Pt. I".. dannata Mondadori che spezza i libri e cambia i titoli! Finito di leggerlo ita lo recupero eng e tanti saluti! -.-)
Il Comandante Supremo della Nerv

Gendo Ikari

PS - Ed ho in coda Heinlein come "scorta"; decisamente devo impegnarmi di più!

"...to read or not to read? This is the question!"
__________________

"Tanto valeva installarci una porta girevole."


Gendo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 17-11-2006, 22.04.20   #78
HeavyMetal
C'è solo un Capitano
 
L'avatar di HeavyMetal
 
Data registrazione: 12-11-2002
Residenza: La Capitale
Età: 37
Messaggi: 2,368
HeavyMetal chiede un vostro giudizio
Nick Hornby-Come diventare buoni
Questo autore ormai è il mio feticcio *___*
__________________
HeavyMetal non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 17-11-2006, 22.17.01   #79
xanade
Boshi Stronza
 
L'avatar di xanade
 
Data registrazione: 05-11-2002
Residenza: 652 km da Sfiga
Età: 36
Messaggi: 4,444
xanade chiede un vostro giudizio
Citazione:
Originalmente inviato da HeavyMetal
Nick Hornby-Come diventare buoni
Bellissimo *_*!

Carolly Erickson - Anna Bolena
__________________

gladio e' troppo un figo™
xanade non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 20-11-2006, 23.58.09   #80
Iczer-One
Sconosciuto
 
Messaggi: n/a
Io sto leggendo "I Ragazzi di Anansi" di Neil Gaiman.

Adoro Gaiman per Sandman e Death e mi sto leggendo tutti i romanzi che ha scritto, anche se I Ragazzi di Anansi è troppo simile ad American Gods, e noto che in questi due libri i personaggi hanno delle reazioni un poco troppo strafottenti rispetto a quello che succede loro ò_O ("Tuo padre era un dio, tu sei figlio di un dio" - "Ah, ok" oppure "Tu sei morta, sei un fantasma" - "Ah ok" ò_O)
  Rispondi citando
Rispondi

Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 09.18.19.


Basato su: vBulletin versione 3.8.7
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: Downloadgratuito.net
AnimeClick.it Rulez